IL VERBO DEI GURU DEL MANAGEMENT (6° PARTE)

In occasione del Word Business Forum c'è stata la possibilità di ascoltare, tutte insieme, personalità di spicco del mondo del management internazionale (Giuliani, Porter, Welch, Kotler, Peters, Dallocchio e Covey).
 
L’ultimo relatore del “World Business Forum 2004” è Stephen Covey guru internazionale della gestione delle Risorse Umane, argomento dell’intervento: la gestione e la motivazione dei gruppi di lavoro.

 

Per Covey la cosa più strana che si avverte oggi nelle aziende è che, pur essendo tutti coscienti di essere nell’epoca della conoscenza e dell’informazioni, le macchine siano considerate degli investimenti mentre le persone vengano ancora considerate dei costi. E’ necessario quindi che si pensi in maniera diversa alla gestione e motivazione delle Risorse Umane.

Per motivare le persone non basta strutturare delle articolate MBO bisogna entrare nella sfera personale, bisogna attivare delle relazioni più profonde. La leadership non deve più essere concepita come una caratteristica legata ad una posizione ma deve essere sempre più diffusa all’interno dell’organizzazione,
deve essere distribuita; per Covey la leadership è una scelta e non una posizione. Per garantire il successo ad una azienda bisogna diffondere la leadership a la conoscenza.

Ma come si può creare un ottimo team di lavoro? Secondo una ricerca presentata dal Relatore se chiedessimo ad un team di lavoro qual è l’obiettivo più importante che sono chiamati a raggiungere, nessuno risponderà la stessa cosa; questo perché nella maggior parte dei casi con l’andare del tempo alla “cosa importante” si sostituisce “l’urgenza”. Infatti secondo questa ricerca più del 50% del tempo di lavoro viene trascorso a risolvere le urgenze. Di più, il 75% degli intervistati sostiene di passare più del 25% del suo tempo a fare comunicazione difensiva. Per Covey esiste un trade-off tra l’utilizzo inespresso delle capacità di un gruppo e la pressione che viene esercitata su di esso per produrre di più a costi più bassi.

Come si fa ad allineare le strategie aziendali con le esigenze del gruppo? La cosa più importante per Covey è la comunicazione e la condivisione degli obiettivi all’interno del team. Solo il 15% delle persone sanno di norma quali sono i propri obiettivi; solo una persona su cinque è emotivamente coinvolta nel raggiungimento degli obiettivi aziendali; il 51% degli intervistati addirittura risponde di non sapere come aiutare l’azienda a performare in maniera adeguata alle aspettative. I leader quindi devono assolutamente aver chiaro gli obiettivi e comunicarli all’interno dell’organizzazione; se tutti all’interno dell’azienda sono coinvolti e coordinati a raggiungere gli obiettivi fissati si scatena la creatività, il coinvolgimento emotivo e quindi si raggiungono i migliori risultati.

Per far funzionare al meglio un team è necessario agire su tre dimensioni: la grandezza organizzativa, la grandezza personale e la leadership. E’ solo agendo in maniera coordinata su queste grandezze che si ottiene il vero coinvolgimento delle persone.

Per maggiori informazioni non esiti a contattarci. 

SIMCO Via Durando 38 - MI – tel. 02/39325605 - fax 02/39325600
m.cernuschi@simcoconsulting.it

Articoli Network

Simco Italia  Simco Italia  Simco France